Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

"Operazione Danubio". Questo era il nome nei documenti delle truppe dottrina strategica dei cinque paesi membri del Patto di Varsavia, il cui obiettivo era quello di "proteggere i guadagni socialista in Cecoslovacchia."

Sotto Gorbaciov di inviare truppe in Cecoslovacchia 21 agosto 1968 è stato descritto come una "soppressione della costruzione del socialismo dal volto umano", e dopo il crollo dell'URSS, questi eventi sono descritti solo in forte condanna e, a volte sotto forma di massima, la politica estera dell'URSS è considerata aggressiva, soldati sovietici sono chiamati "occupanti" e così via. n.

gli scrittori di oggi non sono disposti a trattare con il fatto che tutti gli eventi che accadono nel mondo, e si verificano in una particolare situazione internazionale o nazionale in un dato periodo di tempo, e giudicare il passato per gli standard di oggi. Domanda: potrebbero i paesi socialisti e la leadership in primo luogo, l'Unione Sovietica, al momento di fare un altro decisione?

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

situazione internazionale

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

A quel tempo, due del mondo esistono in Europa, di fronte l'ideologia - socialista e capitalista. Due organizzazione economica - il cosiddetto colloquialmente "mercato comune" in Occidente e il Consiglio di mutua assistenza economica in Oriente.

C'erano due opposti blocchi militari - la NATO e il Patto di Varsavia. Ora basta ricordare che nel 1968 la DDR era il gruppo delle forze sovietiche in Germania, in Polonia - Gruppo Northern delle truppe sovietiche in Ungheria - Gruppo meridionale delle forze. Ma per qualche motivo non ricordare che in Germania occidentale schierato le forze Usa, Regno Unito, Belgio, ed erano pronti a muoversi, se necessario, il corpo d'armata dei Paesi Bassi e la Francia. I due gruppi dell'esercito erano in uno stato di prontezza da combattimento.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Ciascuna delle parti per proteggere i loro interessi e il decoro osservando, con ogni mezzo cercano di indebolire un'altra.

La situazione sociale e politica in Cecoslovacchia

Al gennaio 1968 Plenum del Comitato Centrale sono stati sottoposti ad un equo critiche di errori e carenze della leadership del paese, così come la decisione sulla necessità di cambiamento al fine di una gestione economica dello Stato. Il Comitato Centrale è stato eletto Segretario Generale Alexander Dubcek, che ha guidato la riforma, in seguito chiamato "costruzione del socialismo dal volto umano". la leadership Cambiato del paese (ad eccezione del Presidente L. Svoboda), e con esso ha cominciato a cambiare le politiche interne ed esterne.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Uso suonato alla dirigenza plenum criticato, le forze politiche di opposizione, speculando i requisiti di "espansione" della democrazia, abbiamo iniziato a screditare il partito comunista, le agenzie governative, organi di pubblica sicurezza e del socialismo in generale. E ha iniziato a preparare un cambiamento nascosto del sistema statale.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

In media, per conto delle persone necessarie: l'abolizione della direzione del partito della vita economica e politica, l'HRC classificato come un'organizzazione criminale, il divieto sulle sue attività, lo scioglimento delle agenzie di sicurezza dello Stato e Milizia popolare. (Milizia popolare - per mantenere distacchi 1948 partito titolo dei lavoratori armati, riferisce direttamente al Segretario Generale del Comitato Centrale.)

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

In tutto il paese, ci sono stati vari "club" ( "Club 231", "Club di attivi non Parte") e di altre organizzazioni, l'obiettivo principale e l'obiettivo era quello di annerire la storia del paese dal 1945, di mobilitare l'opposizione per condurre una propaganda anti-costituzionale. Entro la metà del 1968, il ministero dell'Interno ha ricevuto 70 domande di registrazione di nuove organizzazioni e associazioni. Così, la "231 Club" (sulla base dell'articolo 231 della legge sulla protezione della Costituzione e contro lo stato punibile con attività anti-costituzionale) è stata fondata a Praga 31 marzo 1968, anche se non ha avuto il permesso dal Ministero degli Interni. Il club si è unito più di 40 mila persone, tra i quali erano ex criminali criminali e statali. Secondo il quotidiano "Rude Pravo", compresi i membri del club erano ex nazisti, SS, ministri genleynovtsy del burattino "Stato slovacco", i rappresentanti del clero reazionario. In una riunione del segretario generale del club Jaroslav Brodsky ha detto: - "Il miglior comunista - è un comunista morto, e se è ancora vivo, avrebbe dovuto tirare le gambe". Nelle imprese e nei vari rami dell'organizzazione del club sono stati creati, che sono stati chiamati "società nella protezione di parola e di stampa."

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Uno dei materiali anti-costituzionali più importanti può essere considerato l'appello dell'organizzazione metropolitana "Comitato Rivoluzionario del Partito Democratico della Slovacchia", comuni nel mese di giugno, le organizzazioni e le imprese di dolce. Esige sono state fatte: per sciogliere le fattorie collettive e cooperative, per distribuire la terra ai contadini, di tenere le elezioni sotto il controllo della Gran Bretagna, Stati Uniti, Italia e Francia, per fermare la stampa critica dei paesi occidentali, e concentrarsi su l'Unione Sovietica per consentire attività legali esistenti nel borghesi Cecoslovacchia partiti politici, unirsi nel 1968 "Carpazi Rus" per la Cecoslovacchia. La proclamazione è conclusa con lo slogan: "Morte al partito comunista"

Settimanale francese "Express" 6 maggio ha determinato una dichiarazione del caposervizio esteri del quotidiano "fogli Literární" Antonina Lima: "Oggi, in Cecoslovacchia v'è una questione di prendere il potere." Segretamente rivivere l'attività del Partito socialdemocratico e il Partito laburista.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Al fine di creare un certo contrappeso al Patto di Varsavia è stato rilanciato l'idea della creazione della Piccola Intesa, come un blocco regionale di paesi socialisti e capitalisti e un cuscinetto tra le grandi potenze. Pubblicazioni su questo argomento sono state riprese dai media occidentali. Un'osservazione importante è stato l'analista del quotidiano francese "Le Figaro": "La posizione geografica della Cecoslovacchia può trasformare nella barra del Patto di Varsavia, il patto, e il divario, che apre l'intero sistema militare blocco orientale." Nel mese di maggio, un gruppo di dipendenti dell'Accademia politico-militare di Praga ha pubblicato "Note sullo sviluppo del programma d'azione dell'Esercito popolare cecoslovacco". Gli autori hanno proposto una "via cecoslovacca fuori del Patto di Varsavia o le azioni forse congiunte con altri paesi socialisti della Cecoslovacchia sulla dissoluzione del Patto di Varsavia nel suo complesso e la sua sostituzione con un sistema di relazioni bilaterali". Come opzione, vi era una proposta di prendere una posizione di "neutralità coerente" nella sua politica estera. Gravi attacchi dal punto di vista di "calcolo economico comune" fatto contro il Consiglio di mutua assistenza economica.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

14 giugno dell'opposizione cecoslovacca ha invitato il famoso "sovietologo" Zbigniew Brzezinski per spettacoli a Praga con lezioni, in cui ha delineato la sua strategia di "liberalizzazione", ha chiesto la distruzione della HRC, così come l'eliminazione della polizia di sicurezza e dello Stato. Secondo lui, è completamente "ha sostenuto l'interessante esperimento cecoslovacco".

Diretti interessi nazionali Indebolimento Cecoslovacchia erano bandi di "riavvicinamento" con la Germania, sembrava non solo nei media ma anche nei discorsi di alcuni leader del paese.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

non si limita solo alle parole.

confini occidentali della Cecoslovacchia erano aperti, hanno iniziato a liquidare le recinzioni e fortificazioni di confine. Come indicato dalle spie controspionaggio Ministro della Sicurezza Paolo identificati dei paesi occidentali non sono detenuti, e dare loro l'opportunità di lasciare. (Nel 1969, il governo della Cecoslovacchia, Paul è stato messo sotto processo e giustiziato.)

Le attività di governi stranieri, i militari ei media

Durante questo periodo, riunioni di consultazione sono state tenute da rappresentanti della NATO, che ha studiato le misure possibili per portare la Repubblica socialista cecoslovacca del campo socialista. Gli Stati Uniti hanno espresso la volontà di avere un impatto sulla Cecoslovacchia sul prestito dai paesi capitalistici, con l'interesse della Cecoslovacchia in cambio le sue riserve auree.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Nel 1968, la sua attività in Cecoslovacchia fatto un passo del Vaticano. La sua leadership raccomanda che le attività della Chiesa cattolica al fine di garantire che si fondono con il movimento per "l'indipendenza" e "liberalizzazione", così come assumere il ruolo di "supporto e della libertà in Europa orientale", concentrandosi sulla Cecoslovacchia, la Polonia e la Germania Est.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

La popolazione della Cecoslovacchia infonde con insistenza l'idea che da parte della Repubblica federale di Germania è alcun pericolo di vendetta non esiste, che è possibile pensare di tornare al paese dei tedeschi dei Sudeti. Il quotidiano "The Anzeiger Generale" (Germania) ha scritto: "I tedeschi dei Sudeti si aspetterebbe dalla Cecoslovacchia, liberata dal comunismo, tornare al Patto di Monaco, in base al quale la caduta del 1938 Sudeti fu ceduta alla Germania". Il programma del Partito Nazionale Democratico della Germania, una delle voci si legge: "Sudeti deve tornare ad essere tedesco, perché sono acquisiti dalla Germania nazista nel quadro dell'accordo di Monaco, che è un efficace accordo internazionale." Questo programma ha sostenuto attivamente i "tedeschi dei Sudeti" e l'organizzazione neofascista "Vitikobund". E il direttore del giornale sindacale "Prace" Irzhichek Repubblica ha detto alla televisione tedesca: - "Circa 150 mila tedeschi che vivono nel nostro paese. Si spera che i restanti 100-200.000 poteva tornare a casa più tardi. " Naturalmente, nessuno da nessuna parte, non aveva pensato alla persecuzione dei tedeschi dei Sudeti, cechi.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

In corrispondenza ADN Agency ha riportato che gli agenti Bundeswehr ripetutamente rinviati Cecoslovacchia fini di informazione. Questo vale soprattutto per gli ufficiali del 2 ° Corpo d'Armata, i cui collegamenti erano di stanza vicino al confine della Cecoslovacchia. Più tardi si è saputo che in preparazione del programma per l'insegnamento autunno delle truppe tedesche "Black Lion" l'intero comando del 2 ° Corpo, fino ad includere il comandante del battaglione, ha visitato la Repubblica socialista cecoslovacca come destinazione turistica e viaggiato sulle vie probabili di movimento delle sue parti. Dall'inizio del "esercizi" in programma di fare un breve territori tiro sequestrati dalla Germania nel 1938, e mettere la comunità internazionale con un fatto compiuto. Il calcolo si è basato sul fatto che, se l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti non è andato in guerra per Israele, catturato nei 1967 territori arabi, non lo farà ora.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Al fine di creare una situazione in Cecoslovacchia, che faciliterebbe l'uscita della Cecoslovacchia dal Patto di Varsavia, la NATO, il Consiglio ha messo a punto un programma di "Zephyr".

L'articolo di giornale finlandese "Pyayvyan Sanomat" il 6 settembre 1968 è stato riferito che nella zona di Regensburg (Germania) "ha lavorato e continua a lavorare il corpo per tenere traccia degli eventi in Cecoslovacchia. Nel mese di luglio, ha iniziato ad operare un controllo speciale e centro di controllo, che gli ufficiali ci ha chiamati "quartier forza d'attacco." Si compone di più di 300 dipendenti, compresi gli ufficiali di ricognizione e consiglieri politici. Centro tre volte al giorno hanno riportato informazioni sulla situazione in sede Cecoslovacchia, della NATO ". E 'interessante notare il rappresentante della sede della NATO: - "Anche se a causa dell'invasione del Patto di Varsavia in Cecoslovacchia e la conclusione dell'accordo di Mosca, un centro speciale e non ha deciso i suoi compiti, le sue attività ancora era e continua ad essere una preziosa esperienza per il futuro."

Selezione

Così, nella primavera del 1968 i paesi socialisti hanno dovuto far fronte ad una scelta:

- consentire la forze di opposizione spinta della Cecoslovacchia dal percorso socialista;

- aprire un potenziale nemico la via per l'Oriente, mettere a repentaglio non solo il gruppo delle truppe del Patto di Varsavia, ma anche i risultati della seconda guerra mondiale;

OR

- Le forze del Commonwealth per difendere il sistema socialista in Cecoslovacchia e per aiutare lo sviluppo della sua economia;

- una volta per tutte porre fine alla politica di Monaco di Baviera, respingendo tutte le pretese degli eredi di vendetta di Hitler;

- di mettere un ostacolo di fronte al nuovo "Drang nach Osten", mostrando al mondo che nessuno sarà in grado di rimodellare i confini del dopoguerra stabiliti come risultato della lotta di molti popoli contro il fascismo.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Sulla base della situazione attuale, il secondo è stato selezionato alla fine di luglio 1968. Tuttavia, se la leadership del Partito comunista della Cecoslovacchia non ha mostrato tale debolezza e la tolleranza per i nemici del partito di governo e il sistema politico esistente, nulla di tutto questo non sarebbe. La leadership militare e politica dell'Unione Sovietica e degli altri paesi del Patto di Varsavia a monitorare da vicino gli sviluppi in Cecoslovacchia e ha cercato di portare la sua valutazione al governo della Cecoslovacchia. Le riunioni si sono tenute il senior management del Patto di Varsavia a Praga, Dresda, Varsavia, Cierna nad Tisou. Gli incontri hanno discusso la situazione, la leadership Repubblica è stata data raccomandazioni, ma senza alcun risultato.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Alla fine del mese di luglio in occasione della riunione in Cierna nad Tisou A. Dubcek si afferma che in caso di fallimento dei paesi socialisti delle misure raccomandate includerà truppe in Cecoslovacchia. Dubcek non solo non ha preso alcuna azione, ma non ha effettuato questo avvertimento al Comitato centrale e il governo. Da un punto di vista militare, altre soluzioni non potrebbe essere. Rifiuto dei Sudeti della Cecoslovacchia, e ancora di più l'intero paese dal Patto di Varsavia e la sua alleanza con la NATO mise un attacco di fianco raggruppamenti truppe del Commonwealth nella Repubblica democratica tedesca, la Polonia e l'Ungheria. Un potenziale avversario ottiene l'accesso diretto al confine con l'Unione Sovietica.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Dalle memorie del comandante dell ' "Alpha" KGB dell'URSS, Eroe dell'Unione Sovietica, il generale in pensione Zaitsev Gennady Nikolaevich (1968 - capo del gruppo del 7 ° Dipartimento del KGB durante la "Operazione Danubio"):

"A quel tempo, la situazione in Cecoslovacchia era la seguente.

... In un primo momento il progetto ha cominciato a venire fuori non è nemmeno il "progressisti" della HRC, e le forze non di parte - i membri dei vari club "sociali" e "politici", che è diverso orientamento verso l'Occidente e l'odio del russo. Giugno è stato l'inizio di una nuova fase della aggravarsi della situazione in Cecoslovacchia e la guida HRC, e a metà agosto la quercia-check squadra ha completamente perso il controllo della situazione nel paese.

E 'inoltre degno di nota che alcuni dei leader della "Primavera di Praga" credevano che simpatia dell'Occidente certamente si materializzano sotto forma di Stati Uniti posizione difficile antisovietica in caso di azione militare da parte dell'Unione Sovietica. "

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Il compito era: un team guidato da GN Zaitsev entrare nel Ministero degli Affari Interni della Repubblica socialista cecoslovacca e portarla sotto controllo. Il ministro dell'Interno Paolo V'è riuscito a fuggire il giorno prima. Secondo numerose testimonianze, Paolo VI con lo sviluppo della "Primavera di Praga" a poco a poco ha abolito gli organi di sicurezza dello Stato, per liberarsi dei quadri comunisti e sostenitori di Mosca. I suoi dipendenti, che hanno cercato di lavorare per neutralizzare i cosiddetti "progressisti" (Club di apartitica Attivisti e organizzazione di K-231), ha minacciato rappresaglie. In attesa di una decisione del governo è stato ordinato: interrompere immediatamente il disturbo delle trasmissioni straniere e iniziare lo smontaggio.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

... I documenti contenevano informazioni che il Ministro degli Interni I. Paolo e Capo del Dipartimento della Centrale CPC Comitato Generale Prhlik "ha preparato il progetto di gestione del Centro, che avrà tutto il potere dello stato nelle loro mani quando la tensione politica nel paese." Si dice anche, e l'attuazione di "misure di sicurezza preventive contro le apparenze di forze conservatrici, tra cui la creazione di campi di lavoro." In altre parole, il paese ha svolto una preparazione nascoste ma molto reali per la creazione di campi di concentramento, dove dovevano essere sono nascosti tutta l'opposizione al regime "dal volto umano" del potere ... E se aggiungiamo a questo sforzo titanico di alcuni servizi segreti stranieri e gli agenti di influenza occidentale, con l'intenzione a tutti i costi strappare la Cecoslovacchia dal blocco orientale, la sequenza generale degli eventi non sembrava chiaro come cerchiamo di essere sicuri.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

... Come siamo riusciti a catturare non è un piccolo paese europeo nel più breve tempo possibile e con perdite minime? Un ruolo significativo in questo corso degli eventi ha giocato una posizione neutrale dell'esercito cecoslovacco, (ed è di circa 200 mila euro. La gente armati al momento di moderni equipaggiamenti militari). Voglio sottolineare che il generale Martin Dzur in quella situazione molto difficile, ha giocato un ruolo chiave. Ma la ragione principale per l'esiguo numero di vittime è stato il comportamento dei soldati sovietici che hanno dimostrato straordinaria moderazione in Cecoslovacchia.

... Secondo gli storici cechi, le truppe entrano uccise quasi un centinaio di feriti e traumatizzati - circa un migliaio.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

... sono convinto che semplicemente non esisteva in quel momento altra via d'uscita dalla crisi. A mio parere, i risultati della "Primavera di Praga" è molto istruttivo. Se non fosse azioni dure dell'URSS e dei suoi alleati, la leadership Repubblica, subito dopo aver superato la fase di "socialismo dal volto umano", di essere tra le braccia del West. Varsavia bloc perderebbe uno stato di importanza strategica nel cuore dell'Europa, la NATO sarebbe stata ai confini dell'URSS. Cerchiamo di essere completamente onesto: l'operazione in Cecoslovacchia ha dato al mondo due generazioni di bambini sovietici. O non è vero? Dopo tutto, "lasciarsi andare" della Cecoslovacchia, l'Unione Sovietica avrebbe inevitabilmente affrontato con l'effetto di un castello di carte. a tumulti scoppiati in Polonia e Ungheria. Poi sarebbe venuto il turno degli Stati baltici, e dopo di esso, e il Caucaso. "

Tempo di partenza

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Nella notte del 21 agosto, le truppe di cinque paesi del Patto di Varsavia sono entrate nel territorio della Cecoslovacchia, l'aeroporto di Praga un atterraggio. Le truppe sono stati ordinati di non aprire il fuoco fino a quando non sono stati sparati contro. Colonne erano a velocità più elevate, fermare la macchina si scontra con la carreggiata, in modo da non interferire con il movimento. Al mattino tutte le unità avanzate del Commonwealth è venuto in una data area. Le truppe cecoslovacche sono stati ordinati fuori della caserma, non andare. I loro campi militari sono stati bloccati con veicoli blindati per rimuovere la batteria dal trattore mescolato carburante.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

E 'interessante che, all'inizio del mese di agosto, i rappresentanti dei distaccamenti Milizia popolare sono incontrati con il suo comandante Alexander Dubcek e presentato un ultimatum: o cambia il manuale di politica, o 22 agosto milizia popolare per ottenere il controllo di tutte le strutture più importanti, avrà il potere nelle proprie mani, si sposterà lui dalla carica di segretario generale e richiede il partito del congresso convocato. Dubcek li ascoltava, ma nulla di concreto è stato detto. La cosa principale che non ha detto i suoi comandanti subordinati di persona i gruppi armati del partito circa l'ultimatum, che aveva ricevuto in Cierna nad Tisou sui leader della DDR, la Bulgaria, l'Ungheria, la Polonia e l'URSS. A quanto pare, qualcosa di previsto. E quando le truppe del Patto di Varsavia invasero in Cecoslovacchia, il 21 agosto, i team di gestione e il rango e file di comunisti pensavano che fosse un insulto. Essi credevano che potevano fare per far fronte alla situazione nel paese, senza entrare truppe straniere. L'esperienza ha dimostrato che quando hanno sovrastimato la loro forza. Solo dopo la sconfitta dell'opposizione nel mese di agosto 1969 un lungo avversari tempi del regime sono andati a nascondersi.

L'atteggiamento della popolazione locale

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

In un primo momento, l'atteggiamento della popolazione locale ai militari dei paesi del Commonwealth era scadente. propaganda ostile di ebbrezza, il comportamento ambiguo delle prime persone dello stato, la mancanza di informazioni circa le vere ragioni dell'invasione, e qualche volta intimidito da opposizione locale, la gente non solo guardato in cagnesco soldati stranieri. Le macchine volavano pietre, la notte le truppe hanno sparato sulla localizzazione delle armi leggere. Le strade sono state abbattute segni e segni sui muri delle case dipinte con slogan come "occupanti, go home!", "Strela occupante!" E così via. N.

A volte le truppe segretamente visitato dalla gente del posto e ha chiesto il motivo per cui le truppe sovietiche arrivarono. E il diritto sarebbe venuto un po 'di russo, e poi un altro, e "caucasici" dal "occhi stretti" con un apposito cavo. Nel cuore dell'Europa (!) Persone sono rimasti sorpresi che l'esercito sovietico è multinazionale.

Le azioni delle forze di opposizione

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Inserire le forze alleate hanno mostrato le forze dell'opposizione Repubblica ei loro mandanti stranieri, che spera di prendere il potere è crollato. Tuttavia, hanno deciso di non mollare, e chiamato per la resistenza armata. Oltre agli attacchi sui veicoli, elicotteri e luoghi di dispiegamento di forze alleate iniziarono gli atti terroristici contro gli organi Repubblica lavoratori del partito e del personale di intelligence. edizione serale del quotidiano britannico "Times Domenica" del 27 agosto, ha pubblicato un'intervista con uno dei leader sotterranei. È stato riferito che nel mese di agosto "underground contava circa 40 mila persone, armato con armi automatiche." Una parte significativa delle armi era stato segretamente messo in Occidente, soprattutto dalla Germania. Tuttavia, non sono riusciti a sfruttare.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Nei primi giorni dopo l'entrata delle forze alleate, in collaborazione con gli organi di sicurezza ceche dei tanti nascondigli e cantine di diverse migliaia di fucili sono stati sequestrati, centinaia di mitragliatrici e lanciagranate. anche i mortai sono stati trovati. Così, anche nella Casa di Praga dei giornalisti, che sono gestiti da figure dell'opposizione estremamente, 13 mitragliatrici sono stati trovati 81 fucile d'assalto e 150 scatole di munizioni. All'inizio del 1969 nel campo di concentramento Tatra finito è stato scoperto. Chi ha costruito e per il quale, a quel tempo era sconosciuta.

La guerra di informazione-psicologica

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Ulteriori prove dell'esistenza della Cecoslovacchia nel forze anti-costituzionali organizzati è il fatto che già a otto ore del 21 agosto in tutte le regioni del paese hanno iniziato a lavorare stazione della metropolitana, in alcuni giorni fino a 30-35 unità. Utilizzato non solo stazioni radio, pre-installati su veicoli a motore, treni, e nei rifugi segreti, ma anche le attrezzature catturato nei corpi MoEHE, in collaborazione con gli uffici dell'Esercito dell'Unione (come la DOSAAF dell'URSS), in agricoltura su larga scala. trasmettitori radio sotterranee sono stati integrati nel sistema, che determina il tempo e la durata dei lavori. gruppo di cattura ha mostrato una stazione radio di lavoro distribuito nelle case, nascosto nelle volte dei leader delle varie organizzazioni. Ci sono stati anche la radio in valigie speciali lungo con tavoli per le onde in diversi momenti della giornata. Mantenere l'antenna collegata alla stazione e di lavoro. Le stazioni radio e quattro canali televisivi sotterraneo diffusione di informazioni false, voci, invoca la distruzione delle truppe delle Forze Alleate, sabotaggio, sabotaggio. Passarono i dati crittografati e segnali di codice per le forze sotterranee.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Nella "chorus" buoni trasmettitori fit Ovest 701 ° battaglione di guerra psicologica.

radiorazvedchiki sovietica in un primo momento sorpreso che un certo numero di stazioni anti-governativi che porta ad ovest, ma le loro ipotesi 8 settembre ha confermato la rivista "Stern" (Germania). Magazine ha riferito che il 23 agosto il giornale "fogli Literární", e per lei, e la radio metropolitana ha riferito che "le truppe alleate hanno sparato contro l'ospedale pediatrico a Piazza Carlo. Finestre rotte, soffitti, attrezzature mediche costose ... "tedesco giornalista TV si precipitò alla zona, ma l'edificio dell'ospedale era illeso. Secondo la rivista "Stern", "questa falsa informazione è stata passata non a un ceco e un territorio tedesco-occidentale." La rivista ha osservato che gli eventi di questi giorni "ha offerto l'occasione ideale per la formazione pratica di 701 Battaglione".

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Se il primo volantino con il messaggio su come inserire le truppe alleate rilasciato i corpi e le stampanti autorevoli o di partito ufficiali, quindi seguire qualsiasi uscita non è stato. In molti casi, i testi e le chiamate in diverse parti del paese sono gli stessi.

Il cambiamento della situazione

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Lentamente, ma la situazione è cambiata.

gruppo di forze centrali si è formato, le unità dell'esercito sovietico cominciarono a stabilirsi in salvo per i loro campi militari Repubblica, dove i camini erano pieni di mattoni, di drenaggio intasato, e il vetro in frantumi. Nel mese di aprile del 1969, Alexander Dubcek fu sostituito da Gustav Husak, ha dato modo di leadership del paese. leggi di emergenza sono state adottate, quali, in particolare, ha caratterizzato russo pugno "vale la pena" fino a tre mesi di reclusione, e di provocare una lotta con Russo - sei. Alla fine del 1969 nelle guarnigioni, dove la costruzione di battaglione costruito abitazioni, le truppe hanno permesso di portare la famiglia. Costruzione di alloggi per le famiglie ha continuato fino al 1972.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Allora, che cosa sono i "occupanti" che hanno sacrificato la loro vita per non ucciso civili, non è riuscito a soddisfare un colpo al provocazioni più sfacciato, a loro sconosciuto salvati persone dalla violenza? Chi ha vissuto negli hangar e magazzini, letti e anche negli ufficiali e le donne (per gli infermieri, dattilografe, cameriere) ostelli, sorgeva su due piani? Che ha preferito non agire come soldati, ma come agitatori, spiegando la situazione per la popolazione e i loro problemi?

Conclusione

Scrivendo le truppe Cecoslovacchia dei paesi del Patto di Varsavia era una misura forzata, volto a preservare l'unità dei paesi socialisti, così come l'uscita di avvertimento truppe NATO ai confini dell'URSS.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

I soldati sovietici non erano invasori e si comportavano come invasori. Non importa quanto patetico possa sembrare, ma nell'agosto del 1968 stavano difendendo il loro paese in prima linea del campo socialista. obiettivi prefissati dell'esercito sono stati raggiunti con perdite minime.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Qualunque cosa si possa dire della moderna scienza politica, ma in quella situazione il governo dell'URSS e altri paesi socialisti hanno deciso di adeguata alla situazione. Anche l'attuale generazione di cechi dovrebbe essere grato a l'esercito sovietico, perché i Sudeti rimase parte della Cecoslovacchia e lo Stato esiste nei suoi confini attuali.

"Note a margine"

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Ma ciò che è interessante e solleva domande.

I soldati, che sono stati i primi (!) Sono stati chiamati "soldati internazionalisti", quelli non riconosciuto in Russia, anche se l'ordine del numero di Ministro della Difesa maresciallo Grechko 242 del 17/10/1968, l'aveva ringraziato per il compimento del dovere internazionale. Il ministro della Difesa dell'Ordine № 220 dal 07.05.1990, la "Lista dei paesi, città, aree e periodi di guerra, con la partecipazione dei cittadini della Federazione russa" è stato aggiunto della Repubblica di Cuba. Per ragioni sconosciute, la Cecoslovacchia (solo!) Nella lista non era inclusa, e, di conseguenza, i relativi documenti sono stati consegnati alla ex-militari, che compie il proprio dovere internazionale nel paese.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

più volte a diversi livelli discussi, ammettere o non coinvolti nell'operazione come un soldato internazionali e veterani di guerra.

Un team di scienziati ha analizzato i materiali disponibili per lo studio e dopo incontri con i partecipanti diretti degli eventi in Cecoslovacchia, ha detto che "nel 1968 in Cecoslovacchia è stata effettuata perfettamente pianificato e perfettamente implementato forze operazione militare, durante la quale condotto operazioni militari. Sia in termini di scienza militare e la reale situazione di impiego di forze e mezzi ". E i soldati e funzionari che hanno compiuto il loro dovere nella realizzazione di "Operazione Danubio" hanno tutto il diritto di essere chiamato soldati internazionalisti, e rientrano nella categoria di "combattente".

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Tuttavia, il Ministero della Difesa russo non li riconosce come tali, e le domande e il trattamento delle organizzazioni regionali coinvolte nella operazione "Danubio", dice che ci sono stati "solo schermaglia", e grazie a loro dichiarate per "l'esecuzione del dovere internazionale", e non per la partecipazione a ostilità.

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Nel frattempo, l'ucraino Gabinetto dei Ministri ha incluso la Cecoslovacchia nel relativo elenco, e il presidente del paese ha emesso un decreto numero 180/2004 del 11.02.2004, "Il giorno della celebrazione dei combattenti in altri stati." Secondo il decreto, gli ex soldati e ufficiali che hanno preso parte alla difesa di sotszavoevany in Cecoslovacchia nel 1968, stabilisce la qualifica di "membro delle ostilità", "veterano di guerra", e concessi benefici ai sensi della legge dell'Ucraina "Sulla Stato di veterani di guerra, garanzie della loro protezione sociale" .

Uno sguardo alla invasione della Cecoslovacchia 45 anni dopo

Ad oggi, i partecipanti più giovani "Operazione Danubio" già 64 anni, e le loro fila ogni anno sono diventati meno frequenti. Recentemente, secondo l'autore, un appello unica organizzazione Rostov coinvolto nell'operazione "Danubio" è stato inviato al Ministro della Difesa della Federazione Russa nel gennaio di quest'anno. Aspettiamo che il nuovo ministro risponderà.