5 più pericoloso nella storia dei diamanti

5 più pericoloso nella storia dei diamanti

Diamanti ha rotto più di un centinaio di vite umane. Ma tra i tanti casi tragici di gioielli, storia illustre, "roccia di pietra", che ha cambiato proprietari "come un guanto" e ovunque ha lasciato una scia di sangue.

"Regent"

5 più pericoloso nella storia dei diamanti

Forse la più innocente nella nostra lista, diamante "Regent" (140, 64 carati). Non si sa dove e quando è stato trovato, ma secondo la versione più comune, è stato scoperto nel 1701 da uno schiavo indiano in una miniera nella regione delle miniere di Golconda (India centrale), che è stato prodotto la maggior parte dei diamanti, di cui parleremo oggi. La sua biografia di pietra, è iniziato con il sangue - il servo ha rifiutato di dare ai proprietari della miniera, e ingannato le guardie nascondendo la pietra da taglio al fianco e legato una benda tutte le foglie. Di notte, è fuggito ma è stato proditoriamente ucciso un marinaio, che ha promesso in cambio del diamante di portarlo fuori dal paese. Arrivando alla vostra destinazione marinaio venduto il diamante a Sir Thomas Pitt, governatore della fortezza di San Giorgio. Il denaro speso "in un marinaio" - in modo rapido, e poi si è impiccato con dolore.

Qui inizia la vera storia di un diamante. Thomas Pitt ha dato il gioielliere Giuseppe Kouptu pietra, che gli conferisce una forma moderna. Ma a quel tempo il governatore di una piccola fortezza era pericoloso per avere un tale tesoro - cacciatori gioielli non lo lasciavano in pace. Pertanto, soffre di mania di persecuzione, Thomas ha venduto il reggente di pietra di Francia Filippo II di Borbone-Orléans. Durante la Rivoluzione francese, "The Regent" è stato rubato insieme ad altri ornamenti dei Borboni. Rientro nelle mani della monarchia diamante fatale falliti a Napoleone, che hanno decorato le elsa della spada. Qual è stato il famoso comandante, e quindi tutto quello che so. Dopo Napoleone, non importa quanto la pietra o rubato, è sempre, alla fine, si è scoperto di essere in Francia. Oggi si può vedere nella Galleria del Louvre Appolonova.

"Kohinor"

5 più pericoloso nella storia dei diamanti

La storia del diamante bianco "Kohinoor" ( "Montagna di Luce"), che ora adorna la corona della regina Elisabetta, conosciuta fin dal XIV secolo, ma abbiamo scoperto che era ovviamente prima, secondo la leggenda, tutti nella stessa miniere di Golconda. Diversi secoli è stata decorata con un turbante di Raja Malwa dinastia Stato. Ci sono leggende che il primo proprietario della pietra era un eroe leggendario del poema epico indiano Mahabharata, Karna da. Pertanto, v'è una convinzione tra la gente che quando il "Kohinoor" per cambiare il proprietario, allora lo stato sarà schiavo. Questo è quello che è successo nel 1304, quando ha vinto il Malwa Delhi sultano Ala-ud-Din, che arrogato il famoso gioiello.

Successivamente, la pietra ha cambiato molte dinastie - dinastia Moghul Afsharid dinastia iraniana, afghana Durrani - in tutto il mondo è considerato un simbolo di potere, in modo che i proprietari non sempre senza spargimento di sangue. Gli storici sostengono che i proprietari di diciotto solo questo diamante sono stati assassinati, altri sono stati uccisi in battaglia, e il resto è morto in povertà. Alla fine, il Kohinoor è stato nel 1849 nelle mani delle autorità britanniche ed è stato trasferito, tra gli altri beni, alla regina Vittoria.

"Il diamante nero Orlov"

5 più pericoloso nella storia dei diamanti

Conosciuto anche come "punta di diamante occhio di Brahma." In India, il diamante nero di 195 carati, secondo la leggenda, è stato decorato con l'occhio della statua del dio Brahma su Pondicherry (India del sud). Forse ad una biografia, così come il colore nero raro e spiegherebbe tutte le voci circa la maledizione, se alcuni dei proprietari non hanno portato la propria vita. Il primo è stato Jay di Parigi, che ha portato il diamante per gli Stati Uniti nel 1923. Qualche tempo dopo, saltava da uno dei grattacieli di New York. In seguito il proprietario - Nadezhda Orlova e la principessa Galitsina-Baritanskaya anche presumibilmente commesso il suicidio nel 1947. E 'difficile dire quanto queste storie vere - archivi bypassare la misteriosa morte di un partito. Secondo i documenti, la principessa-Galitsina Baritanskaya morto all'età di 102 anni in Svizzera nel 1918, e Nadezhda Orlova 90 anni in Francia nel 1988

Successivamente, la pietra ha cambiato molti proprietari, il più famoso di loro - Dennis Petimezas gioielliere, ha acquistato la pietra nel 2004. Egli ha dichiarato pubblicamente che non si sente alcun effetto della maledizione noto, e il diamante lo ha portato nulla, ma buona fortuna. Tuttavia, dopo soli 30 mesi, lo ha messo in vendita. Nel 2006, le "Aquile Nere" che si trova il misterioso acquirente, secondo i media, ha detto, "da un altro continente," il cui nome e il destino del pubblico non è noto.

"Sancy"

5 più pericoloso nella storia dei diamanti

Non si sa nulla circa l'origine di un altro diamante famigerato "Sancy". Dicono che ha ottenuto un mercante nelle grotte di gioielli e che porta un dono al sultano, ma in un modo che è stato ucciso. Dopo di che, la pietra è andato a "camminare" in giro per il mondo, non è ancora caduto nelle mani di Carlo il Temerario nel XV secolo. Egli ha dato a un gioielliere per tagliare, che lo ha reso pallido diamante giallo di 55, 23 carati. Due anni dopo il re morì, e la pietra era mancante ed è stato trovato solo nel 1570, l'anno di Nicola de Sancy - avvocato francese a Costantinopoli. Qui a cui il diamante ha reagito positivamente - con l'aiuto di Nicola è riuscito disposizione re Enrico di France III, che ha prestato il suo tempo. Secondo la leggenda, un servo che è andato a consegnare il re di pietra, è stato ucciso dai ladri, ma prima che avuto il tempo di ingoiare il "Sancy". Come sapete, Enrico III, inoltre, non durò a lungo seduto sul trono. Quando ci fu la rivoluzione francese del 1789, "Sancy" è stato il Tesoro francese, insieme ad altri diamanti fatale "Speranza" e "reggente". Il suo destino è oscuro. Si sa che poteva andare tra le braccia del Demidov. Alla fine, ha acquistato gli industriali Astors americani, che dopo un po 'venduto al Louvre, dove si trova ancora oggi.

"La speranza"

L'ultima e più sanguinosa - diamante blu zaffiro con assolutamente irrilevante chiamato la sua reputazione - "La speranza" ( "Speranza"). Pietra peso fino a tagliare centoquindici carati (ct 0, 2 grammi), è stato portato dall'India dal mercante francese, viaggiatore e gioielliere Jean-Baptiste Tavernier, che, per inciso, è conosciuto per le sue raffigurazioni delle miniere di Golconda. Ha presentato al re Luigi XIV. Il primo su cui la maledizione è caduta, ha l'amante di lunga data del re del marchese di Montespan. Questo appassionato dai capelli neri bellezza, anche intelligente e colta, che ha dovuto dare alla luce il Re di otto figli, ha ricevuto un diamante come un dono, in una sola volta disgustato con il Re solarium. Lady Love espulso dal palazzo, e il diamante, ha trovato il suo posto su un jabot di pizzo Luigi XIV. Esattamente sette mesi più tardi, nel 1715, il re, non parte con il diamante, è morto. Il suo successore, Luigi XV nascosto "speranza" per molti anni nel tesoro reale. In seguito la sua amante è diventato famigerato Maria Antonietta, che amava abiti di lusso e belle pietre. Il suo destino come il destino di suo marito tutti sappiamo - la ghigliottina. Il suo prossimo proprietario conosciuto era Giorgio IV, che ha ben presto perso la testa. Dopo di che, la pietra è stata venduta al banchiere Henry Thomas Hope. L'uomo, il cui nome è stato chiamato in pietra avvelenato. Nel 1910, Diamante ha acquistato per 550 mila franchi gioielliere Pierre Cartier, che è il motivo per cui ho subito venduto alla famiglia mfillionerov McLean. Edward McLean Bale era ereditaria proprietario del giornale "Washington Post", e sua moglie, Evelyn Walsh McLean miniere di diamanti di proprietà. Presto, la famiglia ha perso erede, dopo di che il signor McLean stava bevendo l'amaro ed è morto. famiglia Funky venduto nel 1958 filantropo "Speranza" Harry Winston, che più tardi diede alla Smithsonian Institution.

Oggi, il famoso "Speranza" è in attesa per la sua prossima vittima dell'esposizione vetro antiproiettile.